Questa volta racconto in differita, invece che in diretta come al solito, perché l’avvenimento è davvero epocale e non ho saputo essere una brava e fredda cronista.

cinorrodi di rosa (Gpt RIMOSA ® Var. Meigro-Nurisar)

La nevicata è cominciata così, largamente preannunciata dal meteo, mercoledì scorso. Già alle otto del mattino le condizione delle strade promettevano guai e, siccome mi è capitato spesso di rimanere bloccata per ore nel traffico nelle passate stagioni, ho preso un giorno di ferie. Il giorno dopo, invece, il mattino si presentava tranquillo ed ho preso solo la precauzione di partire di casa un’ora dopo del solito. Anche il ritorno è stato relativamente agevole, le strade erano pulite, anche se ghiacciate, e tutti i mezzi pubblici funzionavano regolarmente. La sera è cominciata a venire giù una neve leggera, fitta e polverosa. Ha nevicato così per tutta la notte.

3 febbraio 2012 ore 14

Al risveglio, dopo essermi consultata con una collega che ha un 4×4 ed aver convenuto con lei che non avevamo nessuna voglia di spericolate avventure, decido di prendere un altro giorno di ferie. La situazione era decisamente peggiorata. Per l’ora del pranzo avevo una meravigliosa torta di panna servita nel patio!

3 febbraio 2012 ore 19

La decisione si è rivelata molto saggia: le conseguenze di questa nevicata sono state disastrose, per farsene un’idea basta leggere qualche articolo della stampa locale.

4 febbraio 2012 ore 11: un metro di neve sopra il giardino

In giardino ora c’è una coltre di neve alta un metro o forse più. L’acero è sepolto insieme alle ortensie, alle camelie, al rododendro e della siepe solo la fotinia è ancora parzialmente in piedi, mentre il viburno e l’olivagno sono crollati a terra, confido nella loro naturale elasticità e spero che non si siano spezzati.

4 febbraio 2012 ore 11

Alcuni graticci della pergola, invece, non hanno resistito a sopportare tutto quel peso e sono venuti giù portandosi dietro il fitto groviglio della vite americana. Per il momento i danni visibili sono questi.

4 febbraio 2012 ore 11

Dietro la staccionata si intravede il metro di neve che ricopre anche tutto il livello superiore del giardino, dove ovviamente non sono potuta andare ad esplorare. Li ci sono le rose arrivate dall’Olanda lo scorso autunno, ma per loro in questo momento non posso proprio fare niente. Incrocio le dita ed accarezzo Romeo. Lui sì che è felice di questa novità: ha traslocato in casa con la sua cesta vicino al termosifone…

un metro di neve sopra al giardino
Tag:                             

10 pensieri su “un metro di neve sopra al giardino

  • 4 Febbraio 2012 alle 18:29
    Permalink

    La neve è bella sotto il profilo estetico, ma il giardino lo preferisco nella sua ordinaria dimensione, forse meno suggestiva, ma comunque più godibile.
    Nell'attesa mi regalo piccole piantine da interno.
    Sara

    Rispondi
  • 4 Febbraio 2012 alle 18:47
    Permalink

    Oh Sara, la neve è bella in montagna quando decidi che vuoi sciare, ma in città e in giardino non la sopporto proprio! Attendo il disgelo, preoccupata, ed inganno il tempo spiando, come te, i bulbi che fioriscono in casa! 😉

    Rispondi
  • 5 Febbraio 2012 alle 17:42
    Permalink

    Anche la mia Luna ha preso dimora accanto al calorifero molti disagi anche da noi ma non paragonabili a cio che stai vivendo..un caldo abbraccio mia cara MIssgiardino! baci

    Rispondi
  • 5 Febbraio 2012 alle 17:59
    Permalink

    che bello rivederti da queste parti Grande Civetta! …che dire? godiamoci il camino! 😉

    Rispondi
  • 5 Febbraio 2012 alle 18:35
    Permalink

    Vedo le immagini in tv e ti penso! Parlavano proprio dell'Aquila!
    Ti sono vicina col pensiero e coraggio, dicono che la neve faccia bene ai giardini perchè ammazza i parassiti. Ho un amico vicino a Faenza che tutti gli anni ha il giardino sommerso da neve abbondante, ma in primavera è sempre un paradiso!
    Coraggio Giardino! Arriverà presto il disgelo!
    Bacioni!
    Titty

    Rispondi
  • 6 Febbraio 2012 alle 9:31
    Permalink

    Coraggio, succede anche qui da noi, si spezzano rami di alberi ma il lato positivo è che se poi arriva il gelo, (ieri alle 8.00 erano -18) le piante sono al caldo sotto la coltre bianca e non subiscono i danni del gelo, un abbraccio Rita

    Rispondi
  • 6 Febbraio 2012 alle 11:11
    Permalink

    care le mie amiche di giardino, il calore che mi trasmettete con i vostri commenti è impagabile! sì, lo so, la neve protegge dal gelo che arriverà nelle prossime notti, non è la prima volta che nevica nel mio giardino, ma questa nevicata è davvero eccezionale. Sono soprattutto preoccupata per le siepi che sono piegate a terra…spero che non si spezzino sotto il notevole peso…

    Rispondi
  • 6 Febbraio 2012 alle 13:23
    Permalink

    Chi più chi meno deve fare i conti con questo fenomeno quest'anno così violento ed eccezionale.
    Non temere x le tue rose, vedrai che se la caveranno egregiamente.
    Ha me hanno sempre detto che la neve aiuta con la sua naturale potatura…
    un grande abbraccio
    simonetta

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *