come seminare le monete del papa (lunaria annua) - un giardino in diret
come seminare le monete del papa (lunaria annua) – un giardino in diretta

Mi sono innamorata follemente della lunaria annua o, come le chiamano da queste parti, monete del papa. E più leggo e cerco informazioni, più si eleva il fascino di questa pianta che cresce spontanea nelle nostre campagne e boschi, preferendo come habitat terreni a mezzombra, silicei e ricchi di humus, fino a 1000 m. di altitudine.

silique e semi di (lunaria annua) - un giardino in diretta
silique e semi di (lunaria annua) – un giardino in diretta
Già la molteplicità dei nomi con cui la si distingue nelle diverse regioni italiane, ma anche in tutta Europa, racconta quanto sia amata, popolare e suggestiva. Eccone alcuni: Lunaria meridionale, Erba d’argento, Medaglioni del papa, Monnaie du pape, Moneda del papa anual, Annual honesty, Silver Dollars, Judaspenning. 
 
Quasi tutti i nomi fanno riferimento alla somiglianza alle monete delle sue silique ovali con sfumature madreperlacee, usate frequentemente e con risultati molto eleganti nelle composizioni di fiori secchi.
silique e semi di (lunaria annua) - un giardino in diretta
silique e semi di (lunaria annua) – un giardino in diretta
Storie di magia avvolgono le monete del papa (lunaria annua), storie che arrivano a noi da un lontano passato. Infatti, proprio la somiglianza alle monete, le ha attribuito poteri di buon auspicio per la ricchezza, mentre la sua forma e la sua lucentezza lunare l’ha fatta ritenere una pianta capace di propiziare i favori della dea Luna, contro la miseria e gli spiriti maligni.
 
“Lunaria annua flowers”. Licensed under CC BY-SA 3.0 via Commons
 
E se la lunaria annua in autunno incanta con il suo argento cangiante, da Aprile a Giugno offre al giardino una bella fioritura violetto o bianca, adatta per le bordure miste dove può occupare una posizione di sfondo con la sua altezza che arriva fino ad 1 metro.
 
Sabato scorso, durante una passeggiata lungo il torrente Raiale, verso il santuario della Madonna d’Apparidi monete del papa (lunaria annua) ne ho incontrato una bella distesa ed ho raccolto i semi. Ormai lo sai, il mio, spesso, è giardinaggio a basso costo ed ecosostenibile, dunque non mi lascio scappare la possibilità di arricchire il mio giardino con le piante che nascono spontanee nel mio territorio. 
Non sapevo bene quale fosse il periodo ed il modo migliore per seminare e così ho chiesto aiuto agli amici giardinieri della pagina facebook Un Giardino In Diretta ed ecco le indicazioni che ho raccolto.
come seminare le monete del papa (lunaria annua) - un giardino in diretta
come seminare le monete del papa (lunaria annua) – un giardino in diretta
 

Come seminare le monete del papa (lunaria annua)

La prima operazione da fare è quella di liberare i semi dalla protezione delle sue silique. Con un movimento delicato si sfregano tra le dita, oppure si fa leva lungo il bordo per sollevare una delle due valve.
 
La lunaria annua è un erbacea biennale che sviluppa una radice piuttosto carnosa e profonda, per questo conviene seminarla direttamente in piena terra, a meno che non la si trapianti ai primi stadi di sviluppo. 
 
L’esposizione da scegliere è quella più vicina alle condizioni del suo habitat naturale, cioè in mezz’ombra. E’ importante arricchire il terreno di semina con il compost e disporre i semi piuttosto radi. La distanza ottimale tra una pianta e l’altra dovrebbe essere di almeno 40 cm.
 
Il periodo migliore per la semina parte dalla fine di Giugno fino a metà Settembre, e bisogna attendere l’anno successivo per godere della prima fioritura.
 
Per garantire lo sviluppo delle pianticelle, come per tutte le semine, bisogna mantenere piuttosto umido il terreno, poi quando sarà cresciuta la lunaria annua è una pianta molto rustica che non ha bisogno di particolari cure ed è anche resistente al freddo. In più, si autodissemina facilmente, tanto da essere considerata invasiva.
 
Ho sparso i semi di monete del papa nella nuova aiuola sotto il ciliegio ed ora, come Pinocchio, aspetto che si moltiplichino!
monete del papa (lunaria annua): come seminarle
Tag:                                                 

10 pensieri su “monete del papa (lunaria annua): come seminarle

  • 15 settembre 2015 alle 18:47
    Permalink

    Anche ha me piace molto. Mi ricorda l'infanzia, quando le osservavo con curiosità.
    Sai però che il fiore proprio non me lo ricordavo. Sarà che la cosa più perticolare sono i bellissimi bacelli…
    Peró anche il fiore ha il suo perché!
    Ciao

    Rispondi
    • 21 settembre 2015 alle 16:13
      Permalink

      il tuo commento mi ha fatto riflettere sul fatto che solo da relativamente poco tempo associo i fiori a questa pianta. Da bambina non avevo la minima idea che le monete del papa fossero i frutti dei fiori viola visti in primavera. Forse anche tu non ricordi il fiore per lo stesso motivo, chissà…

      Rispondi
  • 16 settembre 2015 alle 7:35
    Permalink

    Speriamo che si moltiplichi! E' una pianta stupenda, anche se alle volte un poco ribelle e cresce proprio dove vuole!
    Aspettiamo novità 🙂

    – Silvia – Conversazioni tra orto e giardino

    Rispondi
    • 21 settembre 2015 alle 16:15
      Permalink

      ormai ho seminato e non posso fare altro che incrociare le dita, oltre ad innaffiare, ovviamente! A me stanno particolarmente simpatiche questo tipo di pianta anarchiche e generose e non vedo di vederle all'opera proprio come mi dici tu 😉

      Rispondi
  • 16 settembre 2015 alle 8:08
    Permalink

    Bellissima Lunaria! Anch'io ho in programma di seminarla in questi giorni. Ha qualcosa di magico quando è secca! Felice di aver conosciuto il blog di un'altra giardiniera!

    Rispondi
    • 21 settembre 2015 alle 16:18
      Permalink

      benvenuta Chiara! Ho fatto una rapida passeggiata nel tuo giardino, ma ci tornerò con più calma: frequentare giardinieri è il mio hobby preferito, dopo il giardinaggio! 😉

      Rispondi
  • 16 settembre 2015 alle 10:06
    Permalink

    Ma che bella!Mi piacerebbe veramente averla in giardino…spero di farcela!
    Un abbraccio

    Rispondi
    • 21 settembre 2015 alle 16:19
      Permalink

      ce la farai, ce la farai, ne sono sicura Lorenza! bac&abbrac!

      Rispondi
    • 21 settembre 2015 alle 16:22
      Permalink

      Lo posso capire, Sara! …a me, invece, quei riflessi lunari mi stregano. Tutto questo a vederla sparsa liberamente in natura, in giardino chissà che effetto farà? Lo scopriremo solo vivendo 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *