i regali della Befana al giardiniere - un giardino in diretta

Come i bambini che si svegliano il 6 gennaio e ti mostrano felici cosa ha portato loro la Befana, anch’io ti voglio raccontare con altrettanta gioia e soddisfazione dei regali da giardiniere che ho ricevuto! Sono ben tre, uno più gradito dell’altro perché sono tutti oggetti amanti della Natura, utili anche per l’anima.

Il primo regalo è un cestino intrecciato dalle mani sapienti di Anna Barile, un’amica giardiniere di cui ti ho parlato un paio di anni fa quando sono andata a visitare il suo Orto Insorto. E’ realizzato con materiali raccolti su queste montagne e perciò, sia per produrlo che per venderlo, sono stati consumati pochissimi chilometri, o almeno un numero molto prossimo allo zero. Un nulla rispetto a quanto acquistiamo nei centri commerciali.

i regali della Befana al giardiniere - un giardino in diretta

Questo bellissimo cestino ha trovato subito posto sulla mia scrivania e mette ordine ai cavi dei caricabatterie, agli occhiali ed altre piccole cianfrusaglie altrimenti sparpagliate intorno al computer, ma non è detto che nel tempo non mi torni utile anche per ospitare una piantina o una talea da far crescere in casa, chissà.

Mi incuriosisce e mi affascina osservarne i particolari e cerco di intuire la tecnica dell’intreccio che sembra così elementare, mentre invece è frutto di un’esperienza millenaria su queste montagne, come anche in tutto il mondo. Mi piacerebbe moltissimo imparare almeno i rudimenti e sapere di più rispetto a quali sono le piante che si usano, a quando e dove si raccolgono rispettando le regole della Natura.

Altro gradito regalo della Befana è un tris di disegni a pastello, sempre di Anna Barile. Sono stati un colpo di fulmine irresistibile perché ritraggono tre piante che sono nel mio giardino, ma che crescono, vivono e si propagano spontaneamente nella campagna circostante.

Il primo pastello è il ritratto di un ramo fiorito di elleboro fetido (helleborus foetidus). Come ti ho già raccontato qui, apprezzo questa pianta particolarmente per la sua bella presenza verde durante l’inverno e, poi, per i suoi curiosi fiori che cominciano a sbocciare a marzo, quando ogni giardiniere è stufo di aspettare la primavera.

Gli altri due disegni ritraggono, poi, la balsamina di balfour ( impatiens balfourii hook)altra pianta che si è naturalizzata in queste campagne, invasiva come poche, ma con dei fiori che incantano per la loro forma e colore, ed infine, la fioritura del cardo mariano (Silybum marianum), una pianta pioniera che è arrivata da sola tra le mie aiuole e lì resta, molto gradita alle farfalle e alle api, oltre che a me.

Per concludere in bellezza il mio bottino di regali da giardiniere non poteva mancare una bella agenda per il 2017 appena cominciato. L’etichetta dice che è stata realizzata con i residui della lavorazione delle mele: che invenzione stupefacente! Non avevo la minima idea che si potesse produrre carta con le mele. Lo prendo come un buon segno e mi auguro che questo nuovo anno mi porti altre scoperte naturali e sane, come questa!

Che dici, caro amico giardiniere che passi di qui, sono stata buona con la Natura?

i regali della Befana al giardiniere - un giardino in diretta

Follow my blog with Bloglovin

i regali della Befana al giardiniere

2 pensieri su “i regali della Befana al giardiniere

  • 16 Gennaio 2017 alle 12:55
    Permalink

    Bonjour Donatella ,vous avez reçu des superbes cadeaux d’amitié ,l’artisanat du panier de Anna Barile est de toute beauté les coloris sont superbes et le tressage et oui rien à voir avec ceux que l’ont retrouve dans les boutiques .
    Vos cartes sont de toute beauté à moi j’encadrerais c’est merveilles ,.
    Etonnant et très original que le calendrier coloré et gai ,vous voilà avec des pensées journalières pour votre amie avec les cadeaux qui vous accompagnent au long de la journée .
    Merci Donatella pour ce partage et très belle journée à vous .
    Emmanuelle

    Rispondi
  • 16 Gennaio 2017 alle 13:57
    Permalink

    O cavolo non sei tu ad essere sparita,sono io che devo aggiornare il tuo nuovo,e splendente, indirizzo. Rimedio in fretta. Brava, un buonissimo e godibilissimo lavoro. Ciao ☺️

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *