trachelospermum jasminoides
Come madeleine, per me i profumi di un giardino d’estate sono le tracce di momenti felici. Ho impiantato una siepe di ligustro, in questo momento sofferente per l’incuria dovuta alla mia lunga assenza, perché da bambina ci infilavo spesso il naso. Curiosa di vedere cosa accadesse al di là di quella siepe e golosa di quel profumo così attraente. Anche il glicine ha trovato posto per rinnovare il ricordo di una pergola dove sostavamo con le bici per riprendere fiato e il naso tirava su mocciolo e profumo. Il timo è sparso dovunque ci siano in po’di sassi per accoglierlo a memoria delle eroiche scarpinate tra queste montagne.
Il  rincospermo è qui per colpa di un amore sognato.  Viaggiavo spesso per lavoro ed una sera, in un albergo romano, ho incrociato casualmente una persona che mi faceva tremare le gambe al solo pensarne il nome. Cena amabile, conversazione brillante, dopo cena in giardino ai bordi di una magnifica piscina. Tutto il portico intorno era ricoperto di fiori bianchi che stordivano più del vino bianco fresco che continuammo a sorseggiare tra risate sommesse e frasi bisbigliate per non disturbare chi già dormiva e, soprattutto, per avere la scusa di avvicinarsi l’una all’altro. Squilla il telefono e il capo mi chiede una email urgente per il top dei top dei clienti. Fine del romanzo.
A vederlo adesso, abbarbicato ad un robusto palo di castagno della mia pergola, mi fa pensare ad una sposa cicciona che ha speso una follia per un profumo che la tv dice irresistibile.
profumi e ricordi
Tag:                                     

5 pensieri su “profumi e ricordi

  • 18 Luglio 2011 alle 10:14
    Permalink

    Splendido post e l'immagine è favolosa!!
    I ricordi di una serata romantica e profumata sono incancellabili, soprattutto se alla fioritura del rincospermo tornano sempre a galla. Peccato che l'incantesimo si fosse spezzato, ma il dolce ricordo è rimasto.
    Ma sai che per un attimo ho pensato al tuo amore abbarbicato sulla pergola? ahahahha! :)))

    Rispondi
  • 18 Luglio 2011 alle 12:34
    Permalink

    davvero bellissimo racconto,ne avrei letto volentieri ancora…
    ora devi raccontarci della sposa cicciona!!!

    Rispondi
  • 19 Luglio 2011 alle 7:39
    Permalink

    Hai descritto molto bene il criterio che segue un appassionato che mette insieme un giardino, ogni pianta un pezzetto di vita..

    Rispondi
  • 23 Luglio 2011 alle 9:38
    Permalink

    Dovrebbe avere un non so che di triste…ma io mi diverto troppo a leggere i tuoi racconti!!!
    Felice fine settimana Monica

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *