pianta dell'incenso (Plectranthus coleoides) - un giardino in diretta
pianta dell’incenso (Plectranthus coleoides) – un giardino in diretta

Lo scorso fine settimana, ho tolto i rizomi dei ranuncoli e li ho piantati nell’angolo più assolato della nuova aiuola che sto cercando di mettere insieme sotto il ciliegio. Chissà se questa volta li vedrò tornare a fiorire la prossima primavera, finora non mi è mai riuscito…

E poi, finalmente, sono riuscita a decidere e a comprare le piante per i due vasi di ghisa nel patio che mi faranno compagnia questa estate. 

Ancora una volta, sono finita con lo scegliere delle piante annuali: petunie bianche, lobelie blu e due piante dell’incenso (Plectranthus coleoides). In realtà questa bellissima pianta dalle foglie marginate di bianco crema è una erbacea perenne e sempreverde, ma qui, in questo giardino di montagna, morirà con i primi geli.

E’ il profumo che si sprigiona sfregando le sue foglie che mi ha rapito il cuor…e l’ho portata a casa, immaginando come sarà bello vedere i suoi rami salire per una trentina di centimetri e poi ricadere dolcemente verso il basso.

Dicono che allontani le zanzare, sarà vero?

pianta dell’incenso (Plectranthus coleoides), buongiorno giardinieri!
Tag:                                                     

6 pensieri su “pianta dell’incenso (Plectranthus coleoides), buongiorno giardinieri!

  • 12 Maggio 2015 alle 6:57
    Permalink

    Bello l'incenso con le sue piccole foglioline. Il mio è morto in un gelido inverno. Mi hanno regalato talee di passiflora e sembra abbia attecchito bene :aspetto con ansia la fioritura. Mi hanno detto essere colonizzante ed invadente. Sono dura ed intransigente :saprò tenerla nei suoi spazi….spero.
    Laura

    Rispondi
    • 14 Maggio 2015 alle 8:29
      Permalink

      Purtroppo anch'io non ho un posto dove ripararla d'inverno e, dunque, lo so, farà la stessa fine della tua. Sono anni che provo ad avere una passiflora nel mio terrazzo, le farei invadere volenieri tutto quello che vuole, però, niente, non riesco a portarla oltre lo stadio di talea 🙁

      Rispondi
  • 12 Maggio 2015 alle 7:11
    Permalink

    Mi sembra una bella scelta azzeccata l'ensamble di colori blu e bianco crema e di foglie ricadenti e profumate per i tuoi bei vasi di ghisa,l'idea andra'a ruba! 🙂 giuliana

    Rispondi
    • 14 Maggio 2015 alle 8:32
      Permalink

      Vero Giuliana? Vedremo nel corso della stagione se è stata una buona combinazione, sono sicura che farò altre foto nel tempo… 🙂

      Rispondi
  • 12 Maggio 2015 alle 18:09
    Permalink

    Io da quando l' ho scoperta non posso più farne a meno. A volte mi sopravvive all' inverno, altre la devo riprendere. Ma nel periodo estivo e una presenza costante. Poi se allontani o meno le zanzare non ti so dire… quelle purtroppo ci sono sempre!!! Ciao

    Rispondi
    • 14 Maggio 2015 alle 8:36
      Permalink

      sì, infatti, per quanto si faccia, le zanzare ci mettono sempre ko! Normalmente cerco di evitare l'acquisto delle annuali o di quelle che poi coltivo come tali per ragioni, diciamo così, etiche…però, hai ragione, Jampy, di questa pianta si può sviluppare dipendenza 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *