non buttare le primule sfiorite - un giardino in diretta

Tra i lavori che sono solita fare alla fine di febbraio c’è il rinnovo delle piante nelle cassette appese alla ringhiera del balcone. Ormai, negli anni, è diventato una specie di rito propiziatorio per la bella stagione che verrà e spesso scelgo di piantare primule (Ibrido polyanthus).

Proprio come capita a chi non pratica il giardinaggio in ogni stagione, mi innamoro di questi fiori semplici e colorati che fanno subito primavera, anche sulla scrivania in ufficio. Fresche di vivaio, le primule (Ibrido polyanthus) fioriranno a lungo, almeno fino a maggio, ma siccome sono delle piante perenni il loro ciclo di vita non termina con la fioritura. E se anche le sue foglie ingialliranno fino a scomparire e ti faranno pensare di aver perso la nostra bella primula, tu non la buttare via! Trovale, invece, un posticino all’esterno, magari nel giardino condominiale, nell’aiuola del marciapiede, ovunque ci siano 10 cm cubici di terra che possano ospitare le sue radici la primula tornerà a sbocciare la prossima primavera, senza che tu muova un solo dito per la sua cura.

Qui, finiscono tutte in giardino e, anno dopo anno, tornano a salutarmi ad ogni primavera con i loro fiori allegri, mescolate a viole mammole e muscari (Muscari armeniacum), sui bordi esterni delle mie aiuole. E così faranno le primule che non hai buttato e, proprio dal posticino che le avrai trovato, ti strapperanno un bel sorriso, provare per credere!

primula (Ibrido polyanthus) - un giardino in diretta
primula (Ibrido polyanthus) – un giardino in diretta

Fonte di tante soddisfazioni a zero cure sono anche le viole mammole (viola odorata) che, se trovano un posticino dove il sole le colpisce anche per poche ore, si moltiplicano velocemente tappezzando il terreno con i loro piccoli rizomi. In questo periodo fa bene al cuore del giardiniere osservarle e lo incitano a fare quei duri lavori necessari per dare spazio alla primavera. In questo giardino sono un po’ ovunque, ma ne ho sparse diverse sotto la chioma dell’acero giapponese (acer palmatum dissectum ornatum) che, non ancora vestito delle sue belle foglie, lascia passare i raggi del primo sole del mattino. A fare loro compagnia, poi, l’autunno scorso ho piantato anche tutti i bulbi di crocus che avevo e non vedo l’ora di vedere l’effetto che fa.

Viola mammola (viola odorata) - un giardino in diretta
Viola mammola (viola odorata) – un giardino in diretta

Intanto, sulle foglie d’argento di stachys lanata brilla la luce del risveglio e mi segnala che è il momento di togliere tutto il secco e dividere i suoi rizomi per provare a moltiplicarle in altre aiuole.

stachys lanata - un giardino in diretta
stachys lanata – un giardino in diretta

I teneri campanellini dell‘elleboro fetido (helleborus foetidus) suonano la sveglia per tutto il giardino ed io li adoro per il loro colore e per quel bordino rosso di cui sono capaci. Per non parlare della bellezza e della preziosità delle sue foglie che restano sempreverdi anche d’inverno. Questa pianta unica e solitaria cresce sotto il ciliegio e ne vorrei di più, ma dovrò aspettare l’autunno per dividere i suoi rizomi…

elleboro fetido (helleborus foetidus) - un giardino in diretta
elleboro fetido (helleborus foetidus) – un giardino in diretta

Guardo la neve sulla montagna che si vede dal balcone e so bene che qui l’inverno non è ancora finito e, anche se ci sono i primi segni di risveglio, la vera primavera in giardino ci sarà ad aprile. Poco male, in fondo, avrò più tempo per prepararla al meglio: questo week end si raccolgono foglie secche lasciate a terra lo scorso autunno e si concima con quelle dello scorso inverno. Spero ci sia il sole, altrimenti non so dove troverò la forza per questo duro e sporco lavoro! 😉

neve sulla montagna vista dal balcone - un giardino in diretta
neve sulla montagna vista dal balcone – un giardino in diretta

 

 

non buttare le primule sfiorite - un giardino in diretta

non buttare le primule sfiorite!

Un pensiero su “non buttare le primule sfiorite!

  • 3 marzo 2017 alle 22:12
    Permalink

    Un plaisir de relire sur le blog ,merci Donatella pour vos articles toujours très agréable à lire .
    Très beau weekend à vous .
    Emmanuelle

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *