Non resisto, l’inverno non resisto a guardare il giardino solo da dietro ai vetri. Devo coltivare qualcosa aspettando che la natura si risvegli. Lo scorso anno ho messo dei piccoli bulbi di narcisi tète a tète nelle tazze della colazione per poterli tenere a portata di sguardo sul tavolo della cucina e dei giacinti blu nei classici vasi di vetro pensati proprio per far sbocciare queste meraviglie durante l’inverno.
Narcissus tète a tète

Ora sono alla ricerca di una qualche idea decorativa per poter forzare alcuni bulbi di tulipani bianchi ed altri di muscari blu. Sono, però, indecisa nella scelta, così ho raccolto in una bacheca di Pinterest le immagini delle soluzioni che mi hanno colpito.

by Camilla Fabbri of the Family Chic
Potrei usare scatole del latte o dei succhi di frutta ricoperta da strisce di stoffa: sono belle e perfettamente in linea con la mia fissa del riciclo creativo.
by ideastosteal.com/ via vintagerosegarden.tumblr.com
Oppure potrei utilizzare vecchi contenitori di latta recuperati in un mercatino dell’usato, se non direttamente dai barattoli dei pelati, scegliendo al supermercato quelli più colorati.
 frokeniknopp.blogspot.it camillestyles.com  bhg.com

L’idea di veder crescere le radici oltre che i fiori mi piace molto e sarebbero sufficienti dei bicchieri, una ciotola o dei vasi di vetro.

 
Una zuppiera come centro tavola? Perché no?
by stipje.blogspot.it
by stipje.blogspot.it
L’idea meno costosa in assoluto potrebbe essere quella di avvolgere i vasi semplicemente con fogli di carta di giornale e qualche avanzo di merletto.
by www.traditionalhome.com
by www.traditionalhome.com
Perfino una foglia di verza con un nastrino può essere una soluzione molto decorativa. A me fa una tenerezza infinita. Insomma, ora capisci perché sono così indecisa? Bene, ho il week end per pensarci, poi lunedì ti faccio vedere cosa ho combinato.
Ovviamente, se hai un suggerimento non tenertelo per te, raccontami come ti metti i bulbi in casa!
metti i bulbi in casa
Tag:                                             

6 pensieri su “metti i bulbi in casa

  • 10 Gennaio 2014 alle 9:57
    Permalink

    Sembrano carine tutte le soluzioni! 🙂
    La mia preferita è il riciclo della carta di giornale coi vecchi merletti che fa tanto vintage! Anche io ho provato gli anni scorsi la forzatura dei bulbi in casa, ma, soprattutto per i giacinti, non è riuscitissima perchè il fiore è pesante e tende ad afflosciarsi sotto il peso.
    Quest'anno li ho forzati, ma in grandi ciotole di terracotta decorando con muschio del bosco. Vedremo che risultati avrà
    Il risultato migliore l'ho avuto invece dai muscari Valerie Finnies due anni fa, sono deliziosi! ^^
    Buona fioritura cara!
    Titty

    Rispondi
    • 11 Gennaio 2014 alle 10:52
      Permalink

      Eh si, mia cara Tiz, hai ragione, spesso i giacinti si inclinano, ma uno stecchino da spiedino risolve egregiamente il problema…ed io mi godo il profumo! Ciotole di terracotta e muschio? Bello! Buona fioritura anche a te,allora!

      Rispondi
  • 10 Gennaio 2014 alle 13:28
    Permalink

    Belle idee ed originali!
    A me piacciono molto sia i vasi di latta che la foglia di verza…
    Anch'io solitamente forzo qualche bulbo durante l'inverno (di solito i giacinti), quest'anno però ho avuto qualche problema: il primo dopo un paio di settimane, mi sono reso conto che stava marcendo… poi ho riprovato, per adesso un sacco di radici, ma da sopra non sbuca niente!!! Porto ancora un pò di pazienza, altrimenti ci rinuncio e aspetto la primavera. Ciao

    PS: scusa se ho eliminato il commento, ma avevo fatto degli errori ortografici madornali ai quali ho rimediato! 😉

    Rispondi
    • 11 Gennaio 2014 alle 11:07
      Permalink

      Se io avessi problemi di questo tipo, cambierei bulbi…magari non sono di buona qualità. Mica e' sempre colpa dei giardinieri! 🙂
      Ps puoi scrivere e cancellare come vuoi, non c'è problema per me

      Rispondi
  • 10 Gennaio 2014 alle 20:39
    Permalink

    sono soluzioni deliziose, ma sarebbero al tempo stesso il nuovo gioco per i miei micetti!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *