Se c’è un profumo che mi fa sognare sempre è il profumo dei lillà.

Non so di preciso, ma ha un sapore di allegria, di spensieratezza, di vitalità. Probabilmente risuona nella mia memoria come sottofondo olfattivo delle scorribande in campagna, quando la scuola stava ormai per finire.

Insomma, nella mia percezione, quel profumo sa di estate che sta per arrivare.

Nel mio giardino ho realizzato una bella siepe fatta con diversi arbusti di lillà, ma quest’anno sono rimasti muti, senza neanche un accenno di boccioli. Sono molto delusa. Già li vedevo a fare da contrappunto al glicine (Wisteria sinensis ‘Amethyst’)
Proverò a potarli e a concimarli, magari erano stanchi e vanno aiutati a riprendere vigore.

Il genere Syringa comprende una trentina di specie, ma è la vulgaris ad essere coltivata come pianta ornamentale e da questa i vivaisti hanno sviluppato numerosi cultivar ed ibridi. Ce ne sono di bellissimi che producono fiori di colori che vanno dal bianco al blu, passando per il rosa.

Ho cercato su Pinterest quelli che mi piacciono di più e li ho raccolti nella mia bacheca Il giardino che vorrei. Ed ora, come ogni mercoledì, ti propongo i 7 migliori pin della settimanatra i lillà più interessanti che trovato.

il giardino che vorrei: pin n° 1
 
pin n° 1
 

Questo è in assoluto il mio lillà preferito, nella mia lista dei desideri da tempo immemorabile. Si tratta del Syringa vulgaris ‘Madame Lemoine’. Produce fiori profumati e di un bianco splendente, tanto che spesso viene utilizzato nei bouquet delle spose e negli addobbi floreali per i battesimi a simboleggiare la purezza. Ah, se fossi un’ape…

il giardino che vorrei: pin n° 2
 
pin n° 2

Trovo commovente il bordo bianco che percorre il profilo dei petali dei fiori. Si tratta  della fioritura spettacolare di Syringa vulgaris ‘Sensation’, Se un giorno avrò un giardino più grande, non mancherà tra le fioriture di maggio!

il giardino che vorrei: pin n° 3
 
pin n° 3

Il colore rosa non è generalmente nelle mie corde, ma per questa Syringa vulgaris Beauty of Moscow farei volentieri un’eccezione…

il giardino che vorrei: pin n° 4

pin n° 4

Questo arbusto di Syringa vulgaris Primrose ha i fiori di un raro colore giallo. Interessante, fresco, ma a me non sembra neanche un lillà. Chissà se profuma…

il giardino che vorrei: pin n° 5
 
pin n° 5

Tenera questa sfumatura di blu! E’ la Syringa Vulgaris ‘President Lincoln’ che nel giardino che vorrei troverebbe sicuramente un posto d’onore.

il giardino che vorrei: pin n° 6
 
pin n° 6

Syringa vulgaris ‘Katherine Havemeyer’ è un arbusto molto profumato e con fiori doppi. Strepitoso il contrasto di colore tra l’interno e l’esterno dei petali.

il giardino che vorrei: pin n° 7

pin n° 7

Mi piace moltissimo questa idea di allevare ad alberello l’arbusto del lillà, prende meno spazio e la sua fioritura risulta ancora più scenografica, non credi?

*** 

 

Per questa settimana è tutto, ma se vuoi vedere i miei pin in diretta, segui la bacheca “Il giardino che vorrei“, oppure ci troviamo qui mercoledì prossimo!
***
il giardino che vorrei: i 7 migliori pin di lillà
Tag:                                             

8 pensieri su “il giardino che vorrei: i 7 migliori pin di lillà

  • 6 Maggio 2015 alle 17:04
    Permalink

    Mi hai fatto pensare….Anche i miei lilla'producono poco,in effetti non li poto tolgo solo il secco,stavo ricordando che invece il lilla'della casa dei miei era carico di fiori robusti,dal colore intenso nonche'profumatissimi e mi sono ricordata che mio padre potava,potava parecchio(e tutto quel che gli capitava a tiro) quindi…quest'anno poto i lilla'!!!OK li prendo tutti fuorche'il giallo!!!anche perche'i miei sono tutti della stessa varieta' basic! :)giuliana

    Rispondi
    • 7 Maggio 2015 alle 7:35
      Permalink

      eh vacci piano, però, con la potatura! Da quello che leggo, ci vogliono poi due anni prima che il ramo tagliato fiorisca di nuovo…il consiglio è di accorciare i fusti in modo scalare nel tempo, agendo in più stagioni. E poi, aspetta ottobre per farlo! Ora puoi solo tagliare i fiori quando sono secchi per evitare che vadano a seme…io non so perchè i padri potassero sempre con tutta quella foga, ma non sono sempre di buon esempio 😉

      Rispondi
    • 7 Maggio 2015 alle 9:12
      Permalink

      Grazie dei buoni e saggi consigli,tendo sempre ad essere "o tutto o niente" :)) giuliana

      Rispondi
    • 7 Maggio 2015 alle 14:47
      Permalink

      Te lo volevo scrivere anche io, se poti calcola che almeno l'anno dopo non fiorirà. Noi abbiamo potato la nostra siepe due anni fa per rinforzarla e con la speranza diventasse più compatta. L'anno scorso neanche un fiore, speriamo bene quest'anno! Ed è vero, aspetta l'autunno, non lo fare ora.

      Rispondi
    • 8 Maggio 2015 alle 10:20
      Permalink

      ho imparato sbagliando, ovviamente, mie care amiche giardiniere! 😉

      Rispondi
    • 8 Maggio 2015 alle 10:30
      Permalink

      Grazie ancora ad entrambe,saro'cauta!:) g

      Rispondi
  • 6 Maggio 2015 alle 21:36
    Permalink

    Vedo che i miei lillà (due alberelli e una siepe) non li hai trovati su internet :-). Scelgo la numero 2!

    Rispondi
    • 7 Maggio 2015 alle 7:40
      Permalink

      Oriana, i motori di ricerca non sono così potenti come vogliono farci credere! Condivido la scelta, Sensation for ever! 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *