lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

Io, questo giardiniere lo licenzio, mi lascia sempre tutti i lavori a metà! Guarda qui che roba, ha raccolto tutte le foglie secche dalle aiuole ed ha potato arbusti e siepi, come gli avevo chiesto e come era necessario, ma ora che ci faccio con tutti questi scarti?

lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

Eh, mi piacerebbe poter protestare con così tanta veemenza, ma il giardiniere in questione sono sempre io…e dunque mi guardo bene dal mettere in atto licenziamenti, per quanto giustificati! Ora mi tocca un bel lavoro: trasformare questi scarti di potature e le foglie secche in un fecondo terriccio per concimare le piante del giardino.

lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

In autunno, raccolgo le foglie secche, ma non le butto via, le spargo nelle aiuole delle piante perenni che scompaiono d’inverno, ai piedi degli arbusti e delle rose. Questa operazione protegge dal gelo le radici delle piante e, nel processo di decomposizione, nutre il terreno durante l’inverno.

Ora, però, conviene togliere ciò che è rimasto e concimare il terreno con materia organica già matura che rilascia più rapidamente le sostanze nutritive e migliora la struttura del terriccio. In questo giardino c’è molta argilla che non vede l’ora di agglomerarsi a tutto svantaggio della salute delle mie piante…

lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

Ho sperimentato già da qualche anno che, anche senza una vera compostiera, si può raggiungere lo scopo di ottenere del buon terriccio semplicemente chiudendo dentro dei capienti sacchi di plastica tutte le foglie secche avanzate dall’autunno. Nel giro di un anno il loro ingombro si riduce della metà e, sbriciolando con le mani quanto è restato, lo distribuisco sul terriccio delle aiuole.

lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

Stessa sorte tocca alle ramaglie che avanzano dalle potature, non prima però di essere state ridotte in piccoli pezzi con un biotrituratore o, come a volte mi succede, anche con il tosaerba, dipende dal diametro dei rami. Da questo sminuzzamento dei rami escludo quelli delle conifere che marciscono con molta lentezza ed impiegherebbero anni per diventare del buon compost.

lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta

Con queste semplici operazioni, riaprendo i sacchi dell’anno precedente ho a disposizione il compost che alleggerisce l’argilla del terreno del mio giardino e, soprattutto, mi sono liberata dalla preoccupazione di come smaltirre i rifiuti verdi. Ed i narcisi, mi stanno a guardare! 🙂

***
lavori di marzo - compostaggio in giardino - un giardino in diretta
lavori di marzo – compostaggio in giardino – un giardino in diretta
lavori di marzo: compostaggio in giardino
Tag:                     

6 pensieri su “lavori di marzo: compostaggio in giardino

  • 9 Marzo 2016 alle 16:47
    Permalink

    Per i veri appassionati di giardino e di piante Marzo è veramente un bel mese da sfruttare per ripartire al meglio con la nuova bella stagione

    Rispondi
    • 16 Marzo 2016 alle 8:12
      Permalink

      Vero! E poi, diciamocela tutta, i giardinieri scalpitano dietro i vetri della finestra già a febbraio 😉

      Rispondi
  • 9 Marzo 2016 alle 19:11
    Permalink

    Il meglio che ci dona la natura, non esiste scarto e non esistono rifiuti 🙂 Al giorno d'oggi la gente non ci pensa ma è quasi una magia che tiene in piedi il pianeta e la vita. Purtroppo è difficile incontrare qualcuno che condivide pensieri simili.

    Un saluto e buon lavoro 🙂

    Rispondi
    • 16 Marzo 2016 alle 8:19
      Permalink

      Credo che i giardinieri siano in una posizione privilegiata per capire il concetto di ciclo vitale e della necessità e possibilità di esistere su questo pianeta senza produrre rifiuti. Eppure, ne incontro ancora tanti che continuano a non porsi il problema. Quanti vivaisti conosci che non usano plastica per i loro prodotti, per esempio?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *