come potare la lavanda (lavandula angustifolia)
come potare la lavanda (lavandula angustifolia)

La lavanda (Lavandula angustifolia) non è mai mancata nel mio giardino. La sua coltivazione è piuttosto semplice ed è facile innamorarsi perdutamente del colore delle sue foglie d’argento, del blu dei suoi fiori e del suo profumo ineguagliabile. L’unica cura che è necessaria per allungarle la vita è la potatura ed è bene imparare come fare per non rischiare di vederla informe e sofferente nel giro di poche stagioni.

lavanda (Lavandula angustifolia) - un giardino in diretta
lavanda (Lavandula angustifolia) – un giardino in diretta

Il momento giusto per intervenire con le forbici da giardino è quando la fioritura della lavanda (lavandula angustifolia) è terminata.A me piace molto conservare i suoi fiori per avere il loro profumo nei cassetti della biancheria o nei miei pot-pourri fai da te durante l’inverno. Per praticità, quindi, faccio coincidere la raccolta dei fiori con la potatura.

come potare la lavanda (lavandula angustifolia) in compagnia di Matisse, il gatto giardiniere ;)
come potare la lavanda (lavandula angustifolia) in compagnia di Matisse, il gatto giardiniere 😉

Come potare la lavanda

Il metodo che uso è molto pratico: conto un paio di gruppi di foglie al di sotto dello stelo del fiore e cerco di lasciare almeno tre o quattro gemme nel resto del ramo.

Per qualche settimana la nostra lavanda apparirà un po’ dimessa e sguarnita, specialmente a confronto con lo splendore precedente, ma nel giro di poche settimane tornerà uniforme e compatta perchè nuovi ciuffi delle sue belle foglie grigio argento saranno spuntati e cresciuti.

Proprio questa compattezza le permetterà di resistere meglio al gelo o al peso della neve che potrebbe stendere a terra i suoi rami durante la cattiva stagione.

Bisogna fare molta attenzione a non tagliare troppo, in particolare è bene evitare di intervenire sulla parte lignificata del ramo. La lavanda (lavandula angustifolia) si riproduce solo sul legno nuovo, mentre sul legno vecchio non sono presenti gemme, perciò conviene tagliare solo se questi rami sono riconosciuti come secchi.

Questa potatura fatta dopo la fioritura evita, inoltre, la tendenza di questo arbusto profumato ad aumentare la parte legnosa rispetto a quella verde delle foglie e rovinare il bell’aspetto globoso di questo arbusto sempreverde.

Una seconda potatura, poi, la farò a primavera, quando cominceranno a spuntare nuovi germogli, più o meno nello stesso periodo delle rose. In questo modo si stimola una più ricca fioritura perchè la lavanda (lavandula angustifolia) fiorisce proprio sui rami che si formano dopo questa potatura.

come potare la lavanda (lavandula angustifolia): il raccolto di fiori profumati

L’ultima operazione dopo la potatura è quella di raccogliere in piccoli mazzi i suoi fiori. Tolgo tutte le foglie che restano sui rami dopo il taglio, stringo gli steli con uno spago e li pareggio sul fondo con una forbice robusta. Così preparati, appendo i mazzetti con i capolini dei fiori in basso in un luogo asciutto. Presto saranno pronti per profumare la mia biancheria, nel frattempo, ogni tanto, passando, ci infilo un momento il naso…

come potare la lavanda (lavandula angustifolia)
Tag:                                                 

8 pensieri su “come potare la lavanda (lavandula angustifolia)

  • 6 Agosto 2015 alle 7:57
    Permalink

    Anche gli steli non vanno buttati. Non ancora secchi del tutto , ne faccio ghirlande tonde , a cuore…la forma e la dimensione che più piace .
    Una volta data la forma , le avvolgo grossolanamente con qualsiasi legaccio .Lascio seccare bene , tolgo le legature a al loro posto metto nastri ,juta , strisce di lino o cotone . Le addobbo per ogni stagione / occasione e continuano a profumare .
    La lavanda : se non ci fosse , bisognerebbe inventarla .
    Buona giornata
    Laura R

    Rispondi
    • 7 Agosto 2015 alle 9:42
      Permalink

      che bella idea la ghirlanda… ci proverò senz'altro, Laura! grazie per il suggerimento. E' proprio vero che non si finisce mai d'imparare, neanch'io butto gli steli, ma li sminuzzo e li lascio seccare per avere materiale profumato da mettere nel posacenere della macchina…meglio degli alberelli magici! 🙂

      Rispondi
  • 7 Agosto 2015 alle 13:58
    Permalink

    Ora che so che fumi anche tu , mi sento meno sola e meno mosca bianca…
    Lo so che fa malissimissimissimo (superlativo assoluto esagerato di MALE ) ° _ *
    Laura

    Rispondi
    • 7 Agosto 2015 alle 15:04
      Permalink

      ahahahah Laura! …mica ho detto che fumo! 😉 smack smack profumosi 😉

      Rispondi
  • 7 Agosto 2015 alle 20:35
    Permalink

    E' vero ! Posacenere pieno : solo lavanda per profumare.
    Laura

    Rispondi
  • 8 Agosto 2015 alle 6:20
    Permalink

    Anch'io amo tantissimo la lavanda.
    Metto i fiori in una ciotola e quando passo li vicino passo con le dita per far si che il profumo invada la casa!

    Rispondi
  • 8 Agosto 2015 alle 6:20
    Permalink

    Anch'io amo tantissimo la lavanda.
    Metto i fiori in una ciotola e quando passo li vicino passo con le dita per far si che il profumo invada la casa!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *