agave americana

Questo è il momento giusto per fare un bilancio degli errori commessi e cercare soluzioni che rendano felici le piante, prima dei giardinieri. Qualche anno fa avevo avuto in affidamento una meravigliosa agave  da un amico che traslocava in un’altra città. L’ho tenuta senza particolari difficoltà in un vaso di terracotta, nella veranda esposta a sud, per diverse stagioni, poi, il suo colore blu mi ha fatto sognare un angolo d’argento nel livello superiore del mio giardino. L’avevo circondata di santolina, salvia, artemisia, timo ed uno spruzzo di nasturzi: uno spettacolo estivo adorabile! Peccato che dopo l’estate arrivi l’inverno e, dalle mie parti (7b USDA), non perdona. La povera agave si è comunque difesa e, per il paio d’anni della mia assenza, ha lasciato seccare le foglie più vecchie, quelle più basse, ed ha conservato in uno strettissimo abbraccio quelle più giovani. E’ stata una fatica mortale tirarla fuori dalla terra, ma non potevo fare finta di niente di fronte alla sua evidente sofferenza. Le ho tagliato tutte le foglie rovinate con un coltello affilatissimo, ridotto drasticamente le radici e sistemato in un vaso più grande del precedente, in un terriccio misto a sassolini e terra del giardino. Spero che l’autunno sia dolce con lei e che le offra la possibilità di rinforzarsi prima dei geli, magari con l’aiuto di un fertilizzante per piante grasse. La veranda non è molto spaziosa ed è scontato che mi pungerà qualche volta con i suoi potenti aculei, ma me lo merito, no?

l’agave maltrattata

4 pensieri su “l’agave maltrattata

  • 12 Settembre 2011 alle 13:11
    Permalink

    eh…facendo i conti sono passati quasi dieci anni, tanto che il mio amico ha fatto in tempo a traslocare di nuovo 😉 buona settimana anche a te, dolce Monica!

    Rispondi
  • 30 Settembre 2011 alle 22:27
    Permalink

    eh si te le meriti proprio le punzecchiature… come mai hai lasciato passare ben 2 anni prima di andare a vedere come stava????Simonetta A

    Rispondi
  • 5 Ottobre 2011 alle 9:41
    Permalink

    @simonetta: perchè sono una giardiniera molto scellerata…e per questo madre terra mi ha cacciato di casa per quasi due anni ;))

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *