amarillis (hippeastrum)

Niente da fare, non sono capace di resistere alle proposte(?) del supermercato ed ecco che in casa, contrariamente a quanto ogni anno mi riprometto, compaiono vasi e vasetti di bulbi costretti a fiorire.
L’esperienza è sempre eccitante, lo ammetto. Veder spuntare germogli e poi seguire giorno dopo giorno la loro rapida crescita mi rinnova il fascino profondo che ho per il mondo vegetale. E’ come un gioco, mi piace provare quello stupore che sa tanto d’infanzia.

arcisi Tête-à-Tête

Mi domando, però, che senso ha forzare così la mano alla Natura.
Le stagioni, invece, un senso lo hanno ed ormai, alla mia età, dovrebbe essermi chiaro, almeno metaforicamente. L’inverno è fatto di riposo, di rigenerazione, di preparazione, di trasformazione, di tempo per progettare la primavera che verrà, e soprattutto è fatto di fiducia che la rinascita ci sarà.

querce (quercus)

Guardo fuori dalla finestra del soggiorno le querce che sopportano stoicamente il gelo e capisco che è proprio questa fiducia che mi manca.

la primavera per forza
Tag:                                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *