Per me, non c’è un fiore che più dei papaveri (Papaver rhoeas) mi fa godere l’estate!

Considerati infestanti dagli agricoltori e sterminati insieme ai fiordalisi con prodotti chimici, io li accolgo nel mio giardino e li incoraggio a moltiplicarsi come posso. Mi piace moltissimo quando li vedo sbocciare dove meno me lo aspetto…

Papaver L. è un genere di piante erbacee della famiglia delle Papaveraceae che comprende 48 specie, una più interessante dell’altra! Ho raccolto molti pin nella mia bacheca Pinterest “Il giardino che vorrei…” ed oggi, come ogni mercoledì, ti propongo i 7 migliori pin della settimana dei papaveri che vorrei veder crescere nel mio giardino. 

il giardino che vorrei: pin n° 1 
pin n° 1

La specie Meconopsis grandis, il papavero blu himalayano, e la specie Meconopsis betonicifolia, il papavero blu tibetano, furono introdotti in Europa rispettivamente nel 1895 e nel 1924. Ha bisogno di temperature fresche, dunque, credo che potrebbe essere felice nel mio giardino di montagna, ed io con lui! 

il giardino che vorrei: pin n° 2

pin n° 2
Il Papavero d’Islanda (Papaver nudicaule L.) è nativa delle regioni subpolari del nord Europa e del nord America. Gli esemplari di colore giallo e bianco sono quelli selvatici e non sono alti alti alti, ma piccoli di statura, circa una ventina di centimetri. Ne vorrei un mare e sono sicura che, in questa terra, non rimpiangerebbero l’Islanda…
il giardino che vorrei: pin n° 3

pin n° 3

Bella questa combinazione di papaveri orientaliAlchemilla mollis! E se non ti piace il rosa tra i papaveri orientali ci sono cultivar di mille altri colori…

il giardino che vorrei: pin n° 4

pin n° 4

…come questo, per esempio, che ha un nome che è tutto un programma: Carnival Oriental Poppy! 🙂

il giardino che vorrei: pin n° 5

pin n° 5
Questo sì che si fa notare, sembra quasi una Peonia, invece è Papaver somniferum ‘Venus’. Contrariamente a quanto immaginavo, il papavero da oppio (Papaver somniferum) non è diffuso solo sulle montagne asiatiche, ma anche in Europa e in Italia. Inoltre, leggo da Wikipedia: “Era molto usata nella medicina popolare per curare tosse, diarrea e dolori vari. Un uso molto comune, soprattutto nel Sud era per lenire le coliche intestinali nei lattanti e per tenere calmi i bambini irrequieti quando i genitori lavoravano nelle campagne. Il nome comune nel mezzogiorno per il Papaver somniferum è “papagna” o “papagno” o in Sicilia Centrale “Paparina” che è diventato sinonimo di “sonnolenza” e/o di “cazzotto”.
il giardino che vorrei: pin n° 6


pin n° 6
Se avessi la bacchetta magica giardinicola, però, con un colpetto realizzerei questo sogno! Semplicemente: Papaver Rhoeas, Salvia Nemorosa, Oenothera Speciosa e Silene Armeria. Sembra facile…:)

il giardino che vorrei: pin n° 7

pin n° 7

Ti ricorda qualcosa? Eh già, Madame Monet e suo figlio a passeggio! Nel dipinto di Monet non ci sono i papaveri, ma una qualche libertà a J. Seward Johnson, l’autore di questa realistica scultura in bronzo, gliela possiamo anche lasciare, o no?

***
Per questa settimana è tutto, ma se vuoi vedere i miei pin in diretta, segui la mia bacheca “Il giardino che vorrei…“, oppure ci troviamo qui mercoledì prossimo!
il giardino che vorrei: i 7 migliori pin della settimana
Tag:                         

8 pensieri su “il giardino che vorrei: i 7 migliori pin della settimana

    • 3 Luglio 2014 alle 7:54
      Permalink

      sono d'accordo con te e, come ti dicevo su FB, per me anche l'islandese potrebbe trovare un posticino nel mio giardino!

      Rispondi
    • 3 Luglio 2014 alle 7:56
      Permalink

      ciao Raffaella! …da quello che leggo ha bisogno di temperature basse per essere felice e fiorire, forse da te è molto caldo l'estate?

      Rispondi
    • 3 Luglio 2014 alle 15:40
      Permalink

      di sicuro d'estate possono arrivare picchi di 35 gradi e più. eppure sono al nord,se fossi al sud allora?…

      Rispondi
    • 4 Luglio 2014 alle 8:10
      Permalink

      …se fossi al sud, ma in altitudine il papavero blu crescerebbe felice! il mio giardino, per esempio, è a 720 slm, ai piedi del Gran Sasso e le escursioni termiche tra il giorno e la notte sono molto forti. Magari ci provo e poi ti racconto! 🙂

      Rispondi
  • 3 Luglio 2014 alle 7:07
    Permalink

    Bellissimo quello blu !!! Adoro questo fiore,e mi piace adoperare i loro semi in cucina .
    Ciao ,buona giornata!

    Rispondi
    • 3 Luglio 2014 alle 7:58
      Permalink

      buoni buoni i loro semi in cucina! io sono un frana con i fornelli e allora i semi che raccolgo li metto sottoterra…buona giornata anche a te!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *