La mia passione per gli oggetti brocante mi porta ad accogliere in casa ed in giardino anche vecchie brocche come queste, di latta e smaltate di blu. Sono ammaccate e arrugginite in diversi punti, ma a me piacciono proprio per queste rughe che raccontano la loro fatica nel tempo. Ora, invece, si godono il sole sul davanzale e, a volte, svolgono il compito di ospitare fiori, vasi, rami secchi o quanto la vita quotidiana mi ispira.
vecchie brocche sul davanzale
vecchie brocche sul davanzale
Nella brocca più grande, per esempio, avevo conservato i sassi che coprivano la terra nei vasi delle talee di succulente per riutilizzarli come strato drenante per eventuali nuovi rinvasi. Poi, ci sono finite dentro foglie secche ed altri piccoli scarti vegetali, frutto dell’ispezione quasi quotidiana delle piante che sono nelle balconiere.
vecchia brocca smaltata sul davanzale

 Evidentemente c’è finito dentro anche un seme dei nasturzi in fiore fino a novembre. L’avrò buttato per distrazione, confuso tra le foglie ingiallite che man mano andavo togliendo.

piantina di nasturzio nata da un seme buttato tra i sassi
germoglio di nasturzio nato da un seme buttato tra i sassi

 Non è certo il posto giusto per nascere, né tanto meno il tempo giusto per germogliare, ma, a dispetto della mia sbadataggine, sta lì ad imporre la sua esistenza.. E questa affermazione di vita a tutti i costi della Natura non finirà mai di stupirmi. Accolgo questo dono e vedrò di averne cura.

germoglio di nasturzio nato da un seme buttato tra i sassi

ho buttato un seme
Tag:                                     

10 pensieri su “ho buttato un seme

    • 17 Gennaio 2014 alle 12:11
      Permalink

      grazie, cara! …ora però mi domando: dove lo faccio crescere che lì fuori la notte si scende sotto lo zero? In cucina? boh, vedrò 🙂

      Rispondi
  • 16 Gennaio 2014 alle 13:45
    Permalink

    A volte si semina e non nasce niente. Poi cade un seme per sbaglio da qualche parte e germina per dispetto!

    Rispondi
    • 17 Gennaio 2014 alle 12:19
      Permalink

      proprio così, per dispetto! 🙂 la primavera scorsa sognavo una cascata di nasturzi dalle balconiere e ne ho seminato una quantità industriale, ma ne sono venute fuori meno della metà! vabbè, ho sognato a vanvera, perché si sa che ai nasturzi non piace il sole dalla mattina alla sera…

      Rispondi
  • 16 Gennaio 2014 alle 13:56
    Permalink

    I nasturzi sono molto dispettosi! Nascono più facilmente dove non sono desiderati.

    Rispondi
  • 16 Gennaio 2014 alle 19:07
    Permalink

    Non c'è nulla da fare… spesso si accudiscono fiori che si desidera veder nascere e cescere che nemmeno germogliano!! Poi però ogni tanto arrivano queste gradite sorprese… graditissimi scherzetti vegetali!!! 🙂
    Chissà; tra qualche mese magari la rivedremo in fiore in un tuo post! Ciao

    Rispondi
    • 17 Gennaio 2014 alle 12:23
      Permalink

      sai, alla fine, questi scherzetti mi ricordano che il giardiniere dispone, ma poi è la Natura che impone! e sono contenta così 🙂

      Rispondi
    • 17 Gennaio 2014 alle 12:26
      Permalink

      davvero, cara Laura, è proprio questo che bisogna dire: benvenuta nuova vita e riconoscenza a questi semi baldanzosi!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *