piante in ufficio
Ormai è una dipendenza: non so stare senza verde intorno e da qualche settimana ho cominciato a colonizzare la mia scrivania in ufficio. Non vi racconto le scene d’ilarità dei miei colleghi di stanza per non offendere il nostro comune senso di rispetto verso le piante. Vi basti sapere che ci sono persone al mondo che pensano alle piante come decorazioni funerarie. Sono nata tra i sassi, figuriamoci se qualche risata può scoraggiare le mie radici. La collezione è davvero minimale e comprende: Asplenium nidus, Chamadorea, Ficus elastica ‘Tineke’, Edera variegata Chester riunite in una ciotola, Crisantemo Corea bianco e Dracena marginata tricolor ciascuna nel proprio vaso. Mi preoccupa, però, il fatto che non ho molta familiarità con le piante d’appartamento e conosco poco i vincoli della coltivazione in vaso e le insidie del clima fra le mura.
Per ora sono tre i vasi che sono sbarcati in questo strano pianeta dove la luce non manca e la voglia di prendersene cura abbonda. Spero solo che qualcuno raccolga i miei S.O.S quando ce ne sarà bisogno…

 

giardinaggio in ufficio
Tag:                             

8 pensieri su “giardinaggio in ufficio

  • 5 Settembre 2011 alle 18:13
    Permalink

    ciao,
    son contenta per te per il premio vinto da letrecivette, un'occasione per me di incontrare il tuo blog.
    Ciao
    nunzia

    Rispondi
  • 5 Settembre 2011 alle 20:58
    Permalink

    Penso che un angolo verde, anche in un appartamento o in un ufficio sia un piccolo paradiso per rasserenarsi e gioire…regalando con poco grandi soddisfazioni a chi se ne prende cura…
    donata

    Rispondi
  • 6 Settembre 2011 alle 0:18
    Permalink

    Per noi che amiamo il verde è come una malattia, lo vediamo dappertutto…..o lo vogliamo vedere dappertutto!
    Io, nonostante abbia un giardino, non ho possibilità di avere piante d'appartamento perchè ho la casa troppo strana, troppo buia, troppo fredda e umida in inverno e troppo tutto.
    Insomma, le ho provate tutte, per cui le mie piante d'appartamento si sono dovute adattare a stare fuori casa, nel patio, per quelle che soffrono l'inverno rigido, in giardino per quelle che resistono.
    Stranamente in ufficio non ne ho mai messe, se non sporadicamente qualche mazzolino di fiori, ma ti posso dire che se hai un ufficio luminoso e caldo asciutto, dovrai stare attenta alle innaffiature. Tocca sempre la terra prima di innaffiare, non devi rischiare che abbiano troppa acqua, nè che ne abbiano troppo poca. Meglio sarebbe nebulizzare ogni tanto, a loro piace un sacco!!
    Bacioni e auguri per la vincita al concorso di Monica e le sue bimbe!! ^_^

    Rispondi
  • 6 Settembre 2011 alle 7:07
    Permalink

    @cose di lino: ed io sono contenta che sei passata di qui, il tuo commento mi ha annunciato la notizia del premio! ;))
    @ Tyziana: mi vedo a nebulizzare gli sghignazzi dei colleghi, soprattutto…ma tu stammi vicina vicina che li convertiamo tutti al verde!
    @ all: è un vero piacere ospitarvi nel mio giardino, grazie per le vostre visite 😀

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *