frutti di ottobre - bacche di rosa canina - un giardino in diretta
frutti di ottobre – bacche di rosa canina – un giardino in diretta

Una settimana da dimenticare quella scorsa: una bruttissima influenza e tutta una serie di imprevisti ed impedimenti mi hanno costretta all’assenza da queste pagine, ma ora si torna in pista e riprendo il reality show dal mio giardino con queste bellissime bacche di rosa canina.


Ci sono almeno tre o quattro cespugli di questa rosa che cresce spontanea lungo la recinzione del giardino. Alla fine di maggio fioriscono abbondantemente e poi scompaiono tra il verde imperante per tutta l’estate, per poi tornare sulla scena in questi giorni magri di fioriture con il rosso delle sue inconfondibili bacche.


La rosa canina è la specie di rosa selvatica più diffusa in Italia, ma è diffusa in molte aeree a clima temperato dell’Europa ed è stata introdotta nel tempo anche in America, in Australia e in Nuova Zelanda.

Il suo nome “canina” lo si deve storicamente a Plinio il Vecchio che racconta di un soldato romano guarito dalla rabbia con decotti preparati con le radici di questa rosa selvatica, ma l’uso curativo era diffuso già tra i popoli ellenici. Spesso viene indicata anche con altri nomi come “Rosa di macchia” e “Rosa di bosco”.

Le sue bacche contengono  una gran quantità di vitamina C e molti altri principi attivi che le rendono protagoniste di infusi e tisane, ma anche un ingrediente salutare per preparare marmellate.

La ricetta che conosco è semplice, però è molto laboriosa la preparazione delle bacche. E’ necessario, infatti, dopo un lavaggio accurato, dividerle a metà e privarle dei semi e di quella tipica peluria che potrebbe risultare fastidiosa al gusto e all’intestino.

Per il resto, si procede come per le altre marmellate, aggiungendo 200 gr di zucchero di canna ed un cucchiaio di succo di limone per ogni 500 gr. di bacche pulite.

L’ho fatta una sola volta, ma quasi quasi ci riprovo e faccio scorta di un concentrato di vitamina C che non ha uguali. Non si sa mai! 😉

frutti di ottobre: bacche di rosa canina
Tag:                                 

3 pensieri su “frutti di ottobre: bacche di rosa canina

  • 13 Ottobre 2015 alle 10:42
    Permalink

    Bentornata e benguarita! C'era un silenzio preoccupante che non era da te.Belle e beneauguranti queste bacche coralline 🙂

    Rispondi
    • 14 Ottobre 2015 alle 10:45
      Permalink

      ben rirtrovata Giuliana! è stata una sofferenza essere lontana dal blog e dagli amici giardinieri come te, ma eccoci di nuovo qui! un abbraccio di corallo 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *