fiori di luglio - bignonia (campsis radicans) - un giardino in diretta
fiori di luglio – bignonia (campsis radicans) – un giardino in diretta

Un’altra fioritura che in luglio non può mancare agli occhi di un giardiniere goloso come me è quella della bignonia (campsis radicans).

Un’ esplosione di colore rosso-arancio sullo sfondo di fogliame verde scuro lussureggiante è la caratteristica che la distingue nel paesaggio afoso e lo fa apparire come se fosse fresco di rugiada primaverile.

La bignonia (campsis radicans) è un arbusto rampicante che, dopo le cure riservate al primo anno d’impianto, puoi lasciare crescere senza la preoccupazione di irrigarlo perchè, nonostante preferisca le posizioni più assolate, se la cava con l’apporto idrico delle sole piogge estive, anche se rare.

E poi, cresce in maniera generosa ed allunga i suoi rami fino ad arrivare nel giro di una decina di anni alla considerevole lunghezza di 10 metri. Per arrampicarsi usa radici avventizie simili a ventose e, se la si coltiva in piena terra, conviene prevedere un ampio spazio perchè produce alla base diversi polloni. D’inverno resiste a temperature molto rigide (fino a -15°) e lascia cadere le foglie mostrando i suoi lunghi rami dai fusti marrone chiaro.

Anche la potatura è facile: la bignonia (campsis radicans) fiorisce sui rami nuovi perciò si possono eliminare senza remora tutti quelli più vecchi o secchi e, volendo, contenere il suo sviluppo riducendo i rami anche alla metà.

Questa pianta cresce nel giardino condominiale, dove, dopo l’iniziale entusiasmo, gli inquilini giardinieri ormai scarseggiano. Fortunatamente, però, la nostra bignonia non risente dell’assenza di cure e, anzi, continua la sua espansione in completa libertà lungo la recinzione di confine.

Mancano solo un paio di metri e sarà arrivata al primo dei miei due balconi ed allora sarò davvero felice di accoglierla!

fiori di luglio: bignonia (campsis radicans)
Tag:                                         

2 pensieri su “fiori di luglio: bignonia (campsis radicans)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *