fiori di agosto - pervinca del Madagascar - (Catharanthus roseus) - un giardino in diretta
fiori di agosto – pervinca del Madagascar – (Catharanthus roseus) – un giardino in diretta

Una pianta che nel mio giardino fiorisce senza tregua questa estate è la pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus). Ho speso poco più di un euro per due vasetti che ho trapiantato nelle ciotole ad inizio della primavera e da allora non smettono di ravvivare un angolo in ombra per metà giornata, vicino alle ortensie.

La pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus) è una specie perenne, trattata nei nostri giardini come annuale perchè la temperatura minima a cui resiste è di 13 – 15°. Se si ha la possibilità di ricoverla in casa d’inverno, la si può posizionare anche al sole diretto che, invece, all’esterno, durante la bella stagione, è meglio evitare.

Raggiunge i 30 – 40 cm di altezza, ma con il tempo la compattezza dei suoi rami si perde, a meno che non la si poti drasticamente tra gennaio e marzo, riducendo i suoi rami ad una decina di centimetri d’altezza.

Esistono diverse varietà: a fiori bianchi con una macchia centrale rosa acceso, a fiori completamente rosa, oppure, la mia preferita, a fiori completamente bianchi (varietà Alba).

Nel terriccio delle ciotole ho interrato anche qualche seme di Ipomea tricolor, probabilmente con eccessivo ritardo perchè, nonostante siano passati due mesi, ad oggi si sono sviluppate solo le foglie e di fiori ancora non si vedono tracce.

Una storia che proprio non conoscevo di questa pianta mi ha fatto riflettere su un aspetto della medicina e della farmaceutica occidentale quantomeno inquietante.

La Catharanthus roseus, è una pianta endemica del Madagascar, ma largamente diffusa anche in altri paesi dell’area tropicale, dove era conosciuta ed usata dalla medicina popolare per le sue proprietà curative contro il diabete. Negli anni 50, una potente azienda farmaceutica occidentale approfondì lo studio dei principi attivi derivati da questa pianta, scoprendo che la vincristina aveva effetti curativi per la cura della leucemia e ne brevettò il metodo di estrazione e purificazione, senza riconoscere alcun diritto alla conoscenza del popolo malgascio. Oggi questo episodio è indicato come un caso paradigmatico della cosidetta “biopirateria“, cioè la commercializzazione di medicine tradizionali.

Bel tema da discutere, vero? Poi, qualcuno dice che il giardinaggio è un hobby da vecchie signore sfaccendate…

fiori di agosto: pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus)
Tag:                                     

6 pensieri su “fiori di agosto: pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus)

  • 24 Agosto 2015 alle 9:53
    Permalink

    Oh, eccoti qua finalmente!
    Ti sei riposata?
    Su, su, riprendi in mano il blog…mi sei mancata! 🙂
    A proposito della vinca…l'ho sempre un po' snobbata, preferendole le Impatiens ma il prossimo anno seguirò il tuo consiglio 😉
    Ciao!

    Rispondi
    • 25 Agosto 2015 alle 13:30
      Permalink

      ciao Luisella! eh sì le vacanze sono proprio finite, si ritorna al chiodo e al blog 😉 Queste vinca le ho prese questa primavera per la prima volta, proprio perchè non avevo trovato le impatiens che volevo, tutto sommato una bella scoperta!

      Rispondi
  • 24 Agosto 2015 alle 9:54
    Permalink

    Uh che bello son tornati i tuoi post!Ero gia'in crisi di astinenza con attacchi di nostalgia e acutizzazione malinconica! 🙂

    Rispondi
    • 25 Agosto 2015 alle 13:33
      Permalink

      ma daì, Giuliana! sei troppoooooo simpatica 😀 ti aspetto qui, anche domani, ok? smack smack

      Rispondi
  • 24 Agosto 2015 alle 18:24
    Permalink

    Catharanthus!!!!! Ecco il nome! Sai che è settimane che le vedo da un cliente ma non riuscivo a farmi venire in mente il nome! Grazie a te ora posso fare il saccente al lavoro 😀 No scherzo però grazie di averne parlato!!!

    Un saluto 🙂

    Rispondi
    • 25 Agosto 2015 alle 13:40
      Permalink

      ahhahahahhaha Pontos, anche tu senza google sei un giardiniere smemorato? ahhhahahha a me capita di continuo! …ed io che mi chiedevo come fai a tenere a mente tutti i nomi delle tue infinite e rare perenni… 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *