la scatola dei bulbi:giacinti, tulipani, muscari

Coltivare è una parola che mi è cara. Non farei altro nella vita, se non coltivare. E’ un’azione che si impara con le piante, ma che poi ti ritrovi come atteggiamento nei gesti e nei pensieri che lo scorrere della vita richiede.
Per fare posto alle impalcature che invasero il mio giardino lo scorso anno, avevo dovuto estirpare tutti i giacinti bianchi ancora in fiore e sistemarli in fretta e furia in vasi di fortuna. Poi, una volta sfioriti, ho lasciato ingiallire le foglie ed infine ho tirati fuori i bulbi dalla terra e li ho conservati tra fogli di carta da cucina in una cassetta di legno. In questi giorni hanno ritrovato il loro posto e spero che possano restare tranquilli, senza altre scosse, a disegnare il bordo delle aiuole intorno al patio in attesa della riapparizione delle hosta.

Altra parola magica per me è collezionare. Non farei altro. Questo verbo, però, per un giardiniere è pericoloso: dà dipendenza. Ne sanno qualcosa gli olandesi che alimentando la mania per i tulipani inventarono la prima bolla speculativa che si sgonfiò nel 1637 lasciando solo patate nelle mani dei collezionisti e degli speculatori. In questo momento storico mi è sembrato opportuno ricordare questo fenomeno per evitare di impiegare le mie scarse risorse in inutili e deleteri capricci. E’ stata dura, ma sono riuscita a comprare solo muscari da inselvatichire tra un giacinto e l’altro ed allium “purple sensation” che dovrebbero fiorire anno dopo anno per almeno tre stagioni restando in terra. Vedremo.
Anche se in questi vasi che sono rimasti vuoti ci vedrei bene dei narcisi…no?

bulbi, bulbi ed ancora bulbi

2 pensieri su “bulbi, bulbi ed ancora bulbi

  • 17 Novembre 2011 alle 8:03
    Permalink

    Buongiorno caro Giardino
    Concordo con te per il grande significato che ha la parola coltivare!!!
    Ogni anno mi concedo anch'io qualche bulbo di bianco giacinto per l'interno della casa che puntualmente trova poi fissa dimora nel mio bosco-giardino. Quest'anno ho ceduto alla bellezza dei Purple sensation…non vedo l'oradi assistere alla loro fioritura.
    a presto
    simonetta

    Rispondi
  • 17 Novembre 2011 alle 9:44
    Permalink

    Adoro la trepida attesa che separa la "coltivazione" dal risultato finale. Avrò fatto bene? Saranno abbinati bene? La fioritura coinciderà?
    Sono tutte domande che mi pongo nel momento in cui decido dove collocare i bulbi primaverili.
    A volte ci azzecco a volte sbaglio completamente, ma mi serve come esperienza per l'anno successivo.
    Non vedo l'ora di vedere il risultato dei tuoi esperimenti, sono qui affacciata sul tuo giardino che aspetto…… Baci! =)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *