anemone giapponese (anemone hupehensis var. japonica)

Coordinate geografiche. L’ennesimo epicentro. Una riga in più nell’elenco dell’INGV. E si ripete il rito della comunanza su FB. Ad ogni scossa di riguardo ci si rivede tutti nell’unica vera piazza che ci è rimasta. Pacche sulle spalle, virtuali, qualche risata sommessa ‘che i figli, per fortuna, dormono e poi ciascuno resta in compagnia della propria tastiera. Questo giardino balla, e poi si lamenta che non lo amo più come prima. Mi toglie il sonno e lo sa che domani si lavora, si va a scuola, a fare la spesa, ad incolonnarsi nel traffico, a pagare bollette e lui balla. Anche se so che mi metterà il broncio, dormirò con le scarpe ai piedi. E sognerò il mio ultimo acquisto da sfoderare con gli amici giardinieri che fiorisce, appassisce e sparge semi. Lei, un’anemone giapponese, facile e vagabonda come poche.

42.393°N, 13.428°E
Tag:                             

9 pensieri su “42.393°N, 13.428°E

  • 19 Ottobre 2011 alle 6:23
    Permalink

    buongiorno giardino!
    hai ragione mannaggia!!! Ma come resistere al richiamo di qualche risata condivisa con gli amici virtuali…questo nuovo mezzo (io mi ritrovo ad aprire di nascosto ai figli il computer per non sembrarne troppo dipendente…) ci strappa qualche sorriso e ci fa condividere le passioni in modo forse un po' strano e non consueto…ma forse ci dobbiamo adeguare a queste nuove tecnologie che avvicinano magari persone che mai avrebbero avuto modo di conoscersi. Speriamo di non rubare troppe notti ai nostri sonni e cerchiamo ogni mattina di rifarci dopo i bagordi su fb…
    baci…virtuali
    simonetta

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2011 alle 7:27
    Permalink

    Ci dividono solo manciate di km ma lo sconquasso è arrivato anche a me leggendo le tue parole..non ne ho molte da dire,da aggiungere..ti abbraccio cara amica.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2011 alle 13:39
    Permalink

    mi spiace io non avevo capito…non ho televisione e la radio in questi giorni è spenta! Che stupida…ho travisato le tue parole, pensavo ad un'altra cosa.
    un abbraccio

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2011 alle 7:35
    Permalink

    Simonettaaaaaa, è evidente che se c'era da ascoltare i media per capire di cosa parlavo il problema è mio, di come ho scritto il post! …e poi mi sono davvero divertita ad immaginarti collegata a FB di nascosto dai tuoi figli, io, invece, faccio finta di "lavorare" ;))
    Comunque, la tua attenzione mi lusinga alquanto, grazie Simo!

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2011 alle 19:53
    Permalink

    oops! anch'io l'ho saputo ora…

    hai ragione bisogna sdrammatizzare ma al tuo posto sarei terrorizzata, un abbraccio
    Rita

    Rispondi
  • 21 Ottobre 2011 alle 10:05
    Permalink

    Accidenti! Mi sto perdendo tante cose in questa frenetica settimana di lavoro!
    Come Simonetta, mi sento un pò fuori dal mondo….
    Ho letto solo adesso di questa tua ennesima esperienza da aquilana e ti penso con tanto affetto e ti sono vicina col pensiero!

    Si ride, si scherza, mi piace la tua allegria sommessa, cammuffata da un lieve cinismo che leggo fra le righe, non so perchè, una sensazione….ma mi piaci proprio così! Forte ed energica, e ironica nonostante il quotitidiano vissuto, fatto di allarmi e paure….
    Ti abbraccio forte!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *